Home
 
Pietramora

Pietramora
(Valle del Samoggia - Valle del Marzeno)

Per raggiungere il passo di controcrinale da Faenza seguire le indicazioni per Santa Lucia - Passo del Trebbio.
Si percorre la valle del Samoggia per circa 10 chilometri fino a raggiungere la deviazione per Pietramora (segnale turistico sulla destra).
Oppure per percorrere il passo in direzione inversa (verso sud) sempre da Faenza seguire la provinciale per Modigliana fino a raggiungere la frazione di Marzeno. Da qui prendere deviazione poco visibile sulla sinistra con indicazioni Pietramora - Santa Lucia.
Percorso che sviluppa complessivamente 8,6 chilometri, su strada molto stretta e con fondo stradale con asfalto non sempre integro.
Si consiglia vivamente di affrontare il tratto in discesa con le dovute cautele, specialmente con direzione Samoggia-Marzeno.
Nel complesso percorso altamente panoramico, con belle vedute sulle brulle colline Faentine, da considerare infine la totale assenza di tratti in ombra che, nelle giornate particolarmente calde, aumenta la difficoltà della salita.
L'ascesa dalla Valle sel Samoggia sviluppa 3,2 chilometri, dislivello totale mt. 244 pendenza media 7,7%, ma con tre tratti ben oltre il 10%
Molto impegnativa l'ascesa da Marzeno che pur sviluppando complessivamente 5 chilometri, dislivello mt. 262 e pendenza media 5,24%, presenta un lungo tratto centrale dal 10 al 14%, seguito da ripidi saliscendi e un'impennata ad 1 Km dalla vetta al 12%

Posizione N 44°11'19.7" E 11°52'1.6"

pietramora


pietramora

pietramora

 

Le altimetrie sono state redatte da dati ottenuti tramite misurazione con altimetro barometrico o ciclocomputer provvisto di GPS e altimetro e controllate su cartografia 1:25000 IGM o Regionale - La rappresentazione grafica viene fornita a scopo puramente indicativo ed amatoriale, e senza l'assunzione di alcuna responsabilità in merito all'uso dei dati soprariportati.
Si autorizza l'uso delle altimetrie su siti esterni, purchè venga mantenuto il logo "Appennino Romagnolo".

Segnala a un amico busta
© www.appenninoromagnolo.it 2003-2017
Torna su