Home
Borgo Tossignano

Borgo Tossignano
feste sagre e tradizioni

mercati

 sabato    mercato  settimanale 
   pomeriggio

febbraio

- Tossignano - ultimo giorno di carnevale
Sagra della polenta - dal 1622 a TOSSIGNANO -

ore 12 - Distribuzione polenta ai Tossignanesi
ore 12,30 - Scambio di Polenta e Maccheroni tra tossignanesi e borghigiani
ore 14 - inizio distribuzione gratuita ai convenuti e concerto della Banda 


fonte:

http://www.comune.borgotossignano.bo.it/

febbraio

- Borgo - ultimo giorno di carnevale
Sagra dei maccheroni - dal 1901 a BORGO TOSSIGNANO -

ore 12 - distribuzione gratuita dei maccheroni ai borghigiani e Maccheroni Pony Express agli anziani del paese
ore 15 - distribuzione gratuita ai convenuti e SFILATA DI MASCHERE E CARRI ALLEGORICI
realizzati dal Comitato Carnevale, con musiche del Corpo Bandistico


fonte:

http://www.comune.borgotossignano.bo.it/

febbraio

- Lume a marzo - il 28 di febbraio
Usanza contadina di origini celtiche
Fal˛ in piazza -

agosto

- Tossignano - primi 15 giorni del mese
Festa del villeggiante - Concerti di musica classica, polentata con balli in piazza, palio dei bambini nel pomeriggio di ferragosto
fonte: http://www.comune.borgotossignano.bo.it/

agosto

il giorno 24
Sagra di San Bartolomeo -

festa patronale con stand, musicae intrattenimenti vari


fonte:

http://prolocoborgotossignano.it/

settembre

- Codrignano - primi giorni del mese di settembre
festa del garganello -

Tipico prodotto della cucina Romagnola condito con ragù piccante, tartufi e funghi. Tortelli, carne ai ferri musica e spettacoli.


fonte:

http://www.comune.borgotossignano.bo.it/

dicembre

- Tossignano - il giorno 6 di dicembre
Fal˛ di San Nicol˛ -

Nei pressi della quercia scolpita grande catasta di legna che sarà accesa il giorno 6 alle 20,00
L'usanza del "falò di San Nicolò" si perde nella notte dei tempi ed è legata alla figura di San Nicola di Bari protettore degli scolari (vescovo vissuto intorno al 270) la cui festa, per il profondo legame che il Santo ebbe con i fanciulli, viene considerata un gioioso anticipo del Natale soprattutto  in Europa Occidentale. 
Verso la fine dell' Ottocento la festa assunse un carattere più scolastico e religioso infatti, la sera del 6 dicembre tutti gli scolari del paese si recavano nella chiesa di San Girolamo per la funzione religiosa e quindi uscendo professionalmente con i ceri accesi appiccavano fuoco ad una grossa catasta di legno collocata al centro della piazza. 
I bambini si rincorrevano festosi mentre le donne riempivano scaldini e scaldaletto con le braci del falò. 
Da parecchi anni si è aggiunto un gustoso finale gastronomico a base di polenta ben condita, in distribuzione fin dalle ore 19,30 preparata dal Comitato Festa della Polenta, caldarroste e vin brulé ad opera della Pro loco di Tossignano. 
(tratto da http://www.tossignano.it) 


fonte:

www.tossignano.it

Le manifestazioni qui indicate sono state segnalate da uffici I.A.T. o Pro Loco, oppure reperite in rete da siti istituzionali (indicata la fonte)
Non si assume alcuna responsabilità per eventuali inesattezze o variazioni ai programmi.
Segnala a un amico busta
© www.appenninoromagnolo.it 2003-2019
Torna su