Home
Sant' Agata Feltria

Sant' Agata Feltria - la cittadina

Rocca Fregoso

Costruita su un enorme masso roccioso dai Cavalca Conti di Bertinoro, attorno all'anno mille.
Subisce le prime radicali trasformazioni con l'avvento dei Montefeltro (ad opera dell'Architetto militare Francesco di Giorgio Martini) che la trasforma da baluardo bellico, a dimora principesca, per la figlia Gentile Feltria, che fù data in sposa al nobile Agostino Fregoso.
Con l'avvento dei Fregoso, la Rocca venne gradualmente ampliata, il secondo piano della Rocca fu destinato all'abitazione del Castellano ed in seguito al Comandante della Guarnigione.
Negli ultimi due secoli la Rocca venne adibita a Convento dei Frati Minori Conventuali, a edificio per le scuole superiori di ginnasio, a prigione mandamentale, a pretura, ed infine ad abitazione civile.
Attualmente la Rocca è sede di un museo e ospita mostre di carattere storico-scientifico-artistico.

scheda di approfondimento

Sant'Agata Feltria Rocca FragorsoSant'Agata Feltria Rocca Fragorso

Sant'Agata Feltria cenro storico
Via di accesso alla Rocca

Pozzo di fronte alla Rocca

Chiesa di San Francesco della rosa

Complesso la cui costruzione risale alla fine del 1700, ad opera dei frati che all'epoca per concessione del comune risiedevano nella Rocca Fregoso, addossata al fortilizio e collegata ad esso tramite un passaggio segreto ricavato nel muro del puntone.
Costruita nell'arco di soli due anni con l'aiuto dei cittadini e recuperando il materiale di una più antica chiesa e convento già esistente in località Cella Fausti, poi andata in rovina per calamità naturali.

Sant'Agata Feltria San Francessco
Sant'Agata Feltria San Francessco

Sant'Agata Feltria San GirolamoConvento di San Girolamo e chiesa della Beata Vergine

Complesso la cui costruzione risale al 1560, consacrata nel 1575, fin dal 1600 officiata dai padri Gerolimini.
Posto su un colle, dominato dal campanile romanico, restaurato dall'architetto Santi nel 1875.

Sant'Agata Feltria teatroTeatro Angelo Mariani

Posto su di un lato della piazza Garibaldi, l'edificio originario risale al 1600, anche se il completamento del teatro si può far risalire al 1743-1753.
Restaurato nel periodo 1994-2002.
E' il teatro più antico di tutte le Marche, suddiviso in tre ordini di palchi , di squisita eleganza e decorato interamente in legno.

teatro teatro
teatro

Chiesa della Collegiata

Posta sull'altro lato di Piazza Garibaldi, all'inizio di Via Emanuele.
Edificio in stile barocco, l'impianto risale al X secolo, successivamente ampliata nel 1520 su commissione di Orazio Fregoso.
Sotto la chiesa cripta del VII secolo recentemente restaurata.

Via Benucci - Fontana della memoria

Da Piazza Fabri si accede all'acciotolata Via Benucci, al termine della quale si trova la Fontana della memoria, un tempo utilizzata come abbeveratoio per i cavalli.
Da notare il mosaico aul fronte della fontana.
Svoltando a sinistra si percorre la "passeggiata sotto la rocca".

Via Battelli

Da Piazza Fabri
Una delle più antiche vie del paese sulla quale si affacciano palazzi d'epoca e, nella parte terminale, il Convento delle suore Clarisse e il Convento delle suore Dorotee.

Vicolo del Bacio

Lungo la Via Battelli, caratteristico e strettissimo vicolo.
Meta di incontri amorosi e luogo sul quale aleggiano varie leggende.
Sul muro targhette in ceramica inneggianti al bacio.

Sant'Agata Feltria Madonna dei CappucciniSantuario Madonna dei Cappuccini

Proseguendo da Via Battelli, si attraversa ia XXV aprile, poi si segue via salita del Cappuccini.

Posto in posizione elevata rispetto al paese, la costruzione risale al 1575 su commissione di Lucrezia Fregoso Vitelli.

Fontana La Luna del pozzo

In Piazza Fabri sul muro del rivellino, nei pressi della gradinata che porta alla Rocca.
Realizzata dal mosaicista Bravura (Ravenna)

 

 
Da Rocca Fregoso

Via Benucci

Sant'Agata Feltria la lumacaLa lumaca

Nei pressi di Piazza Garibaldi
Ideata da Tonino Guerra e realizzata dal mosaicista ravennate Bravura.

 

Segnala a un amico busta
© www.appenninoromagnolo.it 2003-2019
Torna su