Home
 
Paesi & Paesaggi
Itinerari
Foto Album
Tempo Libero
Info



lucchetto
Cicloturismo
Giro di Romagna
Lugo - Zattaglia - M.Albano - Casola - Palazzuolo
Sambuca - Marradi - Beccugiano - Valico Collina
Tredozio - Modigliana - Lugo

Km 170
giroromagna

itinerario
n.b. quello descritto è uno degli itinerari possibili della gran fondo
e non necessariamente quello dell'anno in corso
per l'itinerario esatto consultare il sito ufficiale

www.ucfbaracca.it

Lugo - Zattaglia

tratto di Km 38


Da Lugo ci si dirige verso la via Emilia transitando per Barbiano e Felisio.
Attraversata la Via Emilia e dopo averla percorsa per un centinaio di metri con direzione Rimini, si devia sulla destra per raggiungere Celle.
Da Celle si prosegue con direzione Villa San Giorgio in Vezzano e successivamente per Brisighella.
Giunti ad un ponticello sul torrente Sintria svoltare a destra per Zattaglia che si raggiunge in circa 4 Km.

Settore senza difficoltà, quasi totalmente pianeggiante, solo una salitella prima di giungere nei pressi di Tebano, altro strappettino nel tratto Villa di Vezzano-Ponte sul Sintria, ed infine un paio di facili tornanti poco dopo aver imboccato la strada per Zattaglia.

Zattaglia -Monte Albano
Casola

tratto Km 10
dislivello in salita mt 275
su 4,7 Km
pendenza media 6%

 

Sabbioni
altimetria del passo

A Zattaglia, quasi al centro del nucleo abitato, fontana pubblica dedicata "al ciclista".
Circa cento metri ed ha inizio il passo.
Sono Km 4.7 con dislivello di mt. 279 pendenza media 6% - salita abbastanza costante con lunghi tratti al 7% e due punte di poco superiori all'8%.zattaglia
A parte un breve tratto iniziale, la quasi totale assenza di vegetazione ad alto fusto lungo tutto il percorso può creare qualche difficoltà in giornate particolarmente calde o ventose.
In prossimità del passo breve falsopiano, per poi tuffarsi in una ripida e veloce discesa di circa 4 chilometri con lunghi rettilinei.
Nell'ultimo chilometro con una serie di stretti tornanti ci si porta al ponte sul fiume Senio, e successivamente ad una breve risalita che termina a Casola Valsenio.

Casola - Palazzuolo

tratto Km 18
dislivello mt. 242 in salita

Giunti a Casola si svolta a sinistra sulla provinciale Casolana Riolese.
La strada di fondovalle risale il corso del torrente Senio che attraversa ripetutamente.
Si superano in successione alcune pittoresche frazioni, nell'ordine Baffadi (7,6 Km), Sant'Apollinare in Misileo, (3,8 Km), Badia di Susinana (2,8 Km) ed infine si giunge a Palazzuolo.
Tratto senza particolari difficoltà, anche se la sede stradale a volte stretta e spesso a terrazzo sul torrente richiede la dovuta attenzione.

Palazzuolo - Passo Sambuca
Colla Casaglia

tratto Km 16,6
dislivello complessivo
mt. 714 in salita
pendenza media 5,9%
Massima 11%

Sabbioni
altimetria del passo

Giunti a Palazzuolo proseguiamo diritto, costeggiando il corso del torrente Senio, verso il crinale principale, per Passo Sambuca.
Dopo circa 2 Km giungiamo alla frazione di Quataldo (Santuario di Santa Maria della Neve di Quataldo) e subito dopo attraversiamo un ponte.
La strada inizia a salire decisamente allontanandosi dal fondovalle, pochi chilometri e giungiamo alla deviazione per Piedimonte (da ignorare), e subito dopo una serie di tornanti superano uno "scalino" naturale facendoci guadagnare velocemente quota.
sambucaDopo circa 9 chilometri di salita giungiamo ai piedi del passo, l'ultimo tratto di percorso di circa 2 chilometri ci appare nella sua quasi totalità.
Quasi un muro, che dobbiamo superare con una serie di tornanti e corti rettilinei quasi scavati nel fianco della montagna.
Si giunge a lato di un masso posto sulla destra della carreggiata sul quale svetta una grande croce in ferro. La cima è ormai vicina.
Poche curve e giungiamo al passo Sambuca Mt. 1061 - dislivello totale da Palazzuolo mt. 634 - chilometri 10,8.
Si incontrano ora 2 chilometri di bella discesa che percorrendo un ampio vallone alberato raggiunge il fosso Ravigo (mt. 930), seguiti poi da una risalita di 1,8 chilometri per guadagnare un passetto posto a mt. 1010.
Siamo a Prato all'albero, restano ora circa 2 chilometri caratterizzati nel tratto terminale da un vasto panorama sul Mugello, per giungere a Colla Casaglia (mt. 913)

Colla Casaglia - Marradi - S. Adriano

tratto Km 22,8

 

 

 

 

Dal Passo (locale ad uso bar ristorante) iniziamo la discesa verso la valla del Lamone.
I primi due chilometri scorrono con un alternarsi continuo di curve e contro curve immersi in una fitta abetaia frammista ad aceri e faggi, con pendenza che oscilla fra il 7 e l'8%.
La Valle si apre e si prosegue fra ampi prati, con pendenza che pur calando resta comunque attorno al 5%. La rotabile procede con curve ampie e veloci, e ben presto giungiamo alla frazione di Casaglia.
Da questo punto la valle torna a stringersi e in circa 3 chilometri di percorso "nervoso" giungiamo a Crespino sul Lamone.
Da questa frazione la strada si avvicina al fondovalle e incontra la linea ferroviaria Faenza-Firenze.casaglia
La valle si restringe notevolmente ed il fiume scorre incassato e infrascato ai margini della strada.
Attorno bosco misto a latifoglie e qualche prato a pascolo.
Curve e controcurve, carreggiata relativamente stretta, la rotabile è accompagnata nella sua discesa dalla linea ferroviaria che a volte è alta rispetto al piano stradale, altre volte scompare in un lungo tunnel, ed altre scorre su alti piloni sotto i quali la strada prosegue a gimcana.
Da Crespino occorrono circa 10 chilometri per giungere a Marradi, maggiore centro montano della valle del Lamone.
Si prosegue sempre in discesa su strada che ora diventa più larga, superando velocemente la frazione Popolano e, dopo circa 2,5 chilometri nei pressi della frazione S. Adriano si giunge alla deviazione per Modigliana - Tredozio (sulla destra).

S. Adriano - Passo Beccugiano - Lutirano

tratto Km 10,5
dislivello mt. 302 in salita

Inizia il passo Beccugiano, sono 4,2 chilometri di strada sufficientemente larga, nel primo tratto di 2 chilometri la pendenza è accettabile (attorno al 5%) per poi impennarsi e raggiungere nei successivi 2,2 chilometri pendenze che oscillano costantemente fra il 7 e l'8%.
Giunti al termine della salita abbiamo superato un dislivello di 277 metri (pendenza media 6,5%), proseguire diritto (a sinistra della croce).Beccugiano
Percorriamo una discesa di circa 1,5 chilometri, per poi dover superare un ulteriore strappetto di circa 1 Km seguito da una veloce picchiata di altri 1,5 Km per raggiungere in prossimità di una curva la deviazione sulla destra per Lutirano.
Da qui la strada segue il fondovalle del torrente Acerreta, e in leggera ma costante discesa ci conduce velocemente a Lutirano.

Lutirano - Valico Collina - Tredozio

tratto Km 5,5
dislivello mt. 201 in salita

Sabbioni
altimetria passi Beccugiano e Valico Collina

La carreggiata si restringe e si impenna subito dopo aver superato la frazione di Lutirano.
Ben presto si transita in mezzo ad una folta abetaia.
Per tutti i 3,7 chilometri che ci separano dal passo la pendenza resta costantemente fra il 6 e il 7%, senza mai riservarci tratti in falsopiano.collina
Salita breve, ma intensa, che ci porta dai 386 metri di Lutirano ai 587 di Valico della Collina, superando un dislivello di 201 metri.
La discesa su Tredozio di 3,2 Km, sempre fra abeti, presenta alcuni tornanti e curve a raggio stretto, da affrontare quindi con la dovuta attenzione, dislivello mt 253 pendenza media 7,9%.

Tredozio - Modigliana - Faenza - Lugo

tratto Km 50

I colli sono ultimati, percorriamo ora la veloce e ampia rotabile di fondovalle del torrente Tramazzo, in cica 10 chilometri di lievi discese e falsopiani giungiamo a Modigliana che attraversiamo velocemente, transitando fra ampi coltivi, impianti di kiwi e vitigni a perdita d'occhio superiamo le frazioni di Tossino e Marzeno e ben presto giungiamo a Faenza.
Da qui percorrendo ordinate stradine in mezzo alle campagne Faentine ritorniamo a Lugo transitando per Granarolo e Cotignola.
Complessivamente abbiamo percorso 170 chilometri e scalato 4 passi superando un dislivello complessivo di circa 1734 metri.
Segnala a un amico busta
© www.appenninoromagnolo.it 2003-2014