Home
Maiolo

Maiolo - cenni storici

Antico borgo fortificato posto ai piedi della potente Rocca di Maiolo, distrutto dalla stessa rocca che franò sull'abitato il 29 maggio 1700 .

Il paese odierno, sede municipale, è situato nella vicina frazione di Serra.

Miscellanea storica

Corografia d'Italia Gran Dizionario vol. II - Massimo Fabi ed. Francesco Pagnoni Milano 1854

Pagina 325

MAJOLO. Villaggio negli Stati Pontificj, distretto di Urbino, legazione di Urbino e Pesaro, che ha 550 abitanti.
E' posto nelle vicinanze della piccola Repubblica di S. Marino, alla distanza di 15 miglia al nord-ovest da Urbino.


Corografia d'Italia Vol II - F-O - Giovanni B. Rampoldi ed. Per Antonio Fontana Milano 1833

Pagina 551

MAIOLETTO, vill degli Stati di Roma , deleg. di Pesaro, 3 miglia a libeccio da Verucchio, 5 a greco da PennabilIi, ed uno a ponente da Sanleo, presso la destra sponda del Marecchia. VI si annoverano qasi 500 abitanti, occupati nella coltivazione delle viti e dei gelsi


Dizionario Corografico dell'Italia - Vol. 4 da G a MA - Prof. Amato Amati ed. Vallardi - Milano 1869

Pagina 844

MAJOLO. — Comune nelle Marche, prov. di Pesaro e Urbino, circond. di Urbino, mand. di S. Leo........La sua popolazione di fatto, secondo il censimento del 1861, contava 1176 abitanti .......
I  principali prodotti del suo territorio, che è tutto montuoso, sono il pascolo e la legna da ardere; viene pure raccolto abbastanza grano e gli abitanti s'occupano a fare carbone.
Il  capoluogo siede sopra un colle che  si eleva poco distante dal  fiume Marecchia, e dista 43 chilometri a maestro da Urbino. Nel medio   evo  fu  luogo  fortificato  e   sostenne guerre e assedi;  ma ora le sue mura non sono che macerie. Nel 29 maggio 1700, Majolo venne quasi per intero rovinato da una frana.


Dizionario topografico dei comuni d'Italia - Attilio Zuccagni Orlandini ed. soc. editrice Firenze 1861

Pagina 622

Maiolo (Marche). Prov. di Pesa-ro ; circond. di Urbino ; mand. di San Leo. A poca distanza dal Marecchia su di un colle si eleva Maiolo. Fu in antico munitissimo, e del pari che la vicina rocca di S. Leo ebbe a sostenere assedj e varie vicende di guerra. Le sue mura attuali sono presso che dirute. Popol. 1130

Maiolo

Il ballo angelico di Maiolo

La distruzione del castello

La rocca di Maiolo ed il borgo sottostante furono distrutti la notte del 29 maggio 1700.
Narra la leggenda che alcuni abitanti di Maiolo fossero dediti al ballo angelico, così chiamato perchè la nudità dei partecipanti, senza vergogna e pudore, era come quella degli angeli.
Questa pratica si svolgeva nelle stanze del castello e vi partecipavano giovani e vecchi, maschi e femmine, consumando la notte fra canti e risa.
In una notte con la luna piena, durante una di queste feste erotiche, apparve ai presenti un angelo che ammonì i partecipanti promettendo una terribile punizione se si fossero ripetuti altri balli.
Alcuni abitanti non resistettero a parteciapare ad un nuovo ballo angelico e l´ira divina si scatenò.
Fra tuoni e scrosci di pioggia, un fulmine spaccò il monte, distruggendo il castello, case e palazzi, uccidendo uomini e animali.
Segnala a un amico busta
© www.appenninoromagnolo.it 2003-2019
Torna su