Home
San Leo

San Leo - dintorni

Sant'Igne secolo XIII
Posizione N 43° 54' 17 " E 12°20' 57"

In uscita da San Leo, in direzione Rimini, ai piedi della rupe prendere deviazione segnalata a sinistra.
Percorsi 800 metri prendere deviazione a destra (segnale Gessi) Si percorre questa strada per 600 metri circa (ultimo tratto non asfaltato)

Antico convento francescano (XIII secolo) - secondo una leggenda San Francesco non potendo entrare a San Leo per l'oscurità, vide in lontananza un fuoco di pastori e passò la notte con loro.
Da questa leggenda il nome Sant'Igne (fuoco sacro)
Edificato come convento tra il 1215 e il 1223 con due stanze adibite a dormitorio e a refettorio e una piccola cappella dedicata alla Vergine, ampliato nel 1230 con la costruzione della chiesa.
All'interno chiostro quadrangolare, delimitato da venti colonne ottagonali.

Pietracuta
Posizione N 43° 57' 4" E 12°22' 40"

Dalla Marecchiese, provenendo da Rimini, all'altezza della frazione Pietracuta pendere deviazione a sinistra per San Leo.
Percorsi pochi metri prendere altra deviazione sempre a sinistra con indicazioni Castello e convento di Pietracuta.

Giunti al convento di Pietracuta, praticamente abbandonato, anche la chiesa viene saltuariamente utilizzata, ritornando indietro circa cento metri prendere la stretta strada asfaltata a sinistra, poco dopo sulla destra si staglia la rupe del castello.

Il castello e la rocca appartennero ai Carpegna fino al XII secolo, quando passarono sotto il dominio dei Riminesi.
Furono poi oggetto di continue contese fra i Malatesta e i Montefeltro, per passare poi definitivamente a Federico II conte di Urbino.
Oggi restano pochi ruderi, alcune case costruite sui muri del castello, e in cima alla rupe un bastione a punta attribuito a Francesco di Giorgio Martini.



 
Segnala a un amico busta
© www.appenninoromagnolo.it 2003-2019
Torna su