Home
Meldola

Meldola - dintorni

Rocca della caminateRocca delle caminate
posizione N 44°6'58" E 12°0'0"

dalla circonvallazione, all'altezza della Rocca, prendere deviazione in salita con indicazione Predappio.

Costruita nel 1927 sulle macerie di antichi castelli e torri di avvistamento e donata a Benito Mussolini che la utilizzava come residenza estiva.
Chiusa da alte mura, non è visitabile. Consentite solo visite guidate al parco.

Posizionata su di un colle dal quale si possono dominare le valli del Rabbi e del Bidente, la sua torre (Rondinaia) è alta 20 metri.

teodoranoTeodorano
Posizione N 44° 5' 3.63" E 12° 6' 28.06"

Valicato il fiume Bidente sul ponte dei Veneziani, prendere a destra la provinciale che risale il corso del torrente Voltre. Al successivo bivio prendere a sinistra (indicazioni Teodorano).

Posto su un crinale tra le valli del torrente Voltre e del torrente Salso, antico borgo murato documentato fin dal 1055, con strutture ben conservate.

Ampio panorama circolare sulla valle del Bidente e sulle piccole valli trasversali interne.
Nelle giornate più chiare da Teodorano è possibile scorgere un ampio tratto del crinale Appenninico, e non è difficile individuare fra gli altri gli imponenti massicci del Monte Fumaiolo e del Monte Falterona.

vedi scheda castello

Teodorano chiesaSan Lorenzo in Teodorano

Chiesetta già presente all'interno del "castrum" edificato nel 1055, denominata S. Maria in Plateis - ampliata nel 1682-1683 - consacrata nel 1786 a chiesa parrocchiale.
Quasi completamente distrutta dai bombardamenti del 1944, è stata ricostruita nel dopoguerra.

ScardavillaScardavilla
Posizione N 44° 8'36" E 12°2' 40"

Antico centro monastico
Non visitabile liberamente - per visite guidate occorre rivolgersi al Comune di Meldola.

Complesso ecclesiastico Camaldolese che risale al 1733, circondato da un bosco. Abbandonato dai monaci nel
1797, subì un veloce degrado ed un taglio indiscriminato del bosco.
Il terremoto del 1870 distrusse buona parte del convento e della chiesa di Scardavilla di sotto. Restaurato nel 1940 dai Missionari della Consolata di Torino.
Ha subito gravi danni durate la seconda guerra mondiale, e successivamente ha subito ulteriori disboscamenti per far posto alle colture.
vedi scheda bosco di Scardavilla

ScardavillaScardavilla di sotto
Posizione N 44° 8'41" E 12°3' 15"

assieme a Scardavilla di sopra fa parte del parco naturalistico omonimo.
Antico monastero, edificio privato e ristrutturato con annessa chiesa, viene saltuariamente utilizzato per ricevimentie matrimoni
.
Le prime notizie sul monastero risalgono al 1225, ma l'impianto originario è sicuramente più antico.

ScardavillaUtilizzato dai pellegrini che percorrendo l'antica via Romipeta (via dei Romei) si recavano a Roma, nei secoli ha ospitato diversi ordini monastici.
Di certo nel 1482 era gestito dai monaci dell'ordine Camaldolese.
Ampliato e modificato nel 1500 in occasione del Giubileo, la chiesa fu sconsacrata nel periodo di dominazione Napoleonica.

torre di castelnuovoTorre di Castelnuovo
Posizione N 44° 5' 30.99" E 12° 4' 16.39"

Fu un importante castello menzionato fin dal X secolo, restano solo i ruderi della torre.
Deviazione sulla sinistra all'altezza di San Colombano. Seguire la strada fino ad una cava di ghiaia. Qui prendere a destra attraversando un piccolo ponte sul Bidente, e proseguire per stretta strada asfaltata che risale il monte con pendenze notevoli.
Poco prima di giungere all'agriturismo Vigne, prendere asfaltata sulla sinistra (non segnalata) e seguirla fino ad una curva sinistrosa (sulla destra azienda agricola e fienili). Qui lasciare il mezzo e proseguire a piedi su carraia sbarrata (Non segnalata) in circa 150 metri giungiamo ai ruderi di una casa colonica, sopra questa, sul poggio, rinveniamo i resti dell'antica fortificazione.

approfondimento torre Castelnuovo

calanchi a PiandispinoCalanchi a Piandispino
Posizione N 44°2' 42 " E 12° 5' 38"

Oltrepassare il ponte dei veneziani, sul fiume Bidente-Ronco, seguire la strada che costeggia il Rio Voltre, per pittoresca valle interna.
A circa 10 Km nei pressi dell'abitato di Pian di Spino la strada inizia a salire (pendenza media 5%) e sulla nostra destra si presentano, fra campi coltivati, pittoresche ed interessanti formazioni calanchive.

pieve di RivoschioPieve di Rivoschio
(comune di Sarsina)
Posizione N 44° 0' 5 " E 12° 4' 6"

Dai calanchi (vedi sopra) proseguire fino al termine della salita poi su crinale con ampi panorami sulla vallata del Rio Torre (alla nostra destra) e del torrente Borello (a sinistra) - breve discesa, seguita da 1 Km di salita impegnativa -
Al termine della salita svoltare a destra e in poche centinaia di metri giungiamo a Pieve di Rivoschio.

Segnala a un amico busta
© www.appenninoromagnolo.it 2003-2019
Torna su