Home
Riolo Terme

Riolo Terme - cenni storici

I primi insediamenti risalgono all'età neolitica.
Colonizzata in epoca Romana, vi si costruirono importanti ville patrizie.
Dopo la caduta dell'impero Romano la zona conosce un periodo di declino, che termina solo attorno al IX secolo ad opera dei monaci Benedettini che costruscono nella valle importanti monasteri, fra i quali la Badia di San Pietro in Sala.

Nel medioevo il territorio è conteso dalle potenti famiglie dei Sassatelli e dei Vaini.
Sotto il dominio dei Bolognesi dal 1336, viene dotata di un'imponente Rocca nel 1338, attorno alla quale si sviluppa un popoloso borgo cinto da mura.
Segue poi la dominazione dei Visconti (1402), degli Alidosi (1412), dei Manfredi di Faenza (1439) di Cesare Borgia detto il Valentino (1500).
Nel 1504 il papa Giulio II priva Riolo di ogni autonomia e la sottopone alla potestà imolese.

Nel 1797 fa parte della Repubblica Cisalpina per passare poi con la restaurazione del 1815 sotto la dominazione dello stato Pontificio.
Nel 1859 Riolo viene annessa allo stato Sabaudo.

Durante il secondo conflitto mondiale è caposaldo tedesco e teatro di aspri combattimenti che portano ad ingenti danni e distruzioni.
Liberata l'11 aprile del 1945 dal gruppo di combattimenti "Friuli"

Miscellanea storica

Corografia d'Italia Gran Dizionario vol. III - Massimo Fabi ed. Francesco Pagnoni Milano 1854

Pagina 46

RIOLO. Villaggio negli Stati Pontificj, distretto d'Imola, legazione di Ravenna, che ha 800 abitanti.
Sta in ubertosa e ridente pianura, a poco tratto dalla via Emilia, e 12 miglia circa all'ovest da Bologna.


Corografia d'Italia Vol III - P-Z - Giovanni B. Rampoldi ed. Per Antonio Fontana Milano 1834

Pagina 599

RIOLO , borgo degli Stati di Roma, prov. d' Emilia, dist. d' Imola , poco distante dalla sinistra riva del Cenio , in sito fertile di cereali, viti, gelsi e canape , dei quali prodotti se ne fa traf-fico nei suoi mercati ebdomadali. Altre volte faceva un particolare feudo composto dei vill. di Cuffiano, Ossano, Costa, Mazzolano, Rivola e Sasso. Conta nullapiù di 1,000 abitanti, e sta 5 miglia ad ostro da Imola e circa altrettanto a ponente da Castelbolognese.


Dizionario Corografico dell'Italia - Vol. 6 da PI a RU - Prof. Amato Amati ed. Vallardi - Milano 1869

Pagina 944

RIOLO. — Comune nell' Emilia, prov. di Ravenna, circond. di Faenza, mand. di Castel Bolognese.
Comprende le frazioni seguenti; Campiano (porzione), Costa, Codrignano (porzione), Gallisterna, Giandolico (porzione), Limisano, Mazzolano , Monte Maggiore (porzione), Ossano, Sasso (porzione) e Toranello.
Ha una superficie di 4242 ettari.

La sua popolazione di fatto, secondo il cen-simento del 1861, contava abitanti 3270 .........
Il suo territorio si stende per la maggior parte in colle; e viene attraversato dal torrente Senio, nonché da un piccolo ruscello, ricco di sostanze minerali, suo affluente, detto rio dei Bagni o rio Vecchio. Oltre ai cereali ed alle viti, vi si coltivano con molta cura i gelsi, e l'allevamento dei filugelli è piuttosto in fiore. Estesi e pingui pascoli permettono l'allevamento di numerose bestie bovine, e di buon numero di animali suini. In ogni tempo vi si rinvennero erbe medicinali, ........ Riolo è una terra considerevole che giace in mezzo a colli, presso la riva sinistra del Senio: sta a ponente da Castel Bolognese, a scirocco da Imola, a libeccio ed a poco più di 16 chilometri da Faenza. Vi sono alberghi, caffè, e quanto può rendere commoda la vita. Diverse case si distinguono per eleganza e per buon gusto. L'industria degli abitanti viene alimentata da una filanda da seta. ........

 


Dizionario topografico dei comuni d'Italia - Attilio Zuccagni Orlandini ed. soc. editrice Firenze 1861

Pagina 835

Riolo (Emilia). Prov. di Ravenna ; circond. di Faenza ; mand. di Ca-stel Bolognese. Tra i colli che fiancheggiano il fiume Senio, e alla riva sinistra del detto fiume, giace Riolo, terra considerevole pel numero dei fabbricati, per la industria degli abitanti, e per la salutare efficacia delle sue acque minerali. Fertile è il suo territorio nei cui dintorni esistono alcune cave di gesso, ed una grotta detta di Tiberio, ove sono stallattiti ed acque che nel cadere e ripercuotersi fanno grande romore. Pop. 3045.


Dizionario univ.le topografico storico fisico-chimico terapeutico - Antonio Perone ed. Tipografia di Napoli 1870

Pagina 816

RIOLO, o CASTEL RIOLO, (di), prima nominato Àriolo, ed Oriolo, comune di 3045 abitanti, distante 6 miglia a scirocco da Imola; nel mandamento di Castel Bolognese, circondario di Faenza, da cui dista 9 miglia a libeccio ; nella provincia di Ravenna……
A piccola distanza da Riolo scorre il fimo Senio ; dentro al quale immette le sue acque il prossimo Rio de' Bagni, o Rio vecchio, lungo le cui sponde incontransi :
1° Una sorgente di Acqua salata.
2° 3° Più oltre due altre di Acqua solforosa.
4° E poco innanzi ancora una terza di Acqua marziale. 
5° 6° 7° In mezzo alla vallata del Senio, propriamente ove si nomina la Chiusa, stanno due sorgenti di Acque marziali, ed una di Acqua solforosa.
8° In vicinanza al luogo detto Serravalle, viene fuori altra sorgente, nominata Acqua salata, o Acqua della Chiusa di Serravalle.
……….
m) Narra il Calindri, che nel territorio di Riolo esiste un antro, nominato Grotta di Tiberio, dove sono Stalattiti; ed Acque che, nel cadere e ripercuotersi, producono forte romore. Le Acque di Riolo nella estate attirano grande concorso di forestieri.

Segnala a un amico busta
© www.appenninoromagnolo.it 2003-2019
Torna su