Home
Verghereto

Verghereto - cenni storici

Il territorio è stato sicuramente abitato fin dall'antichità.
Il vicino passo di Montecoronaro, uno dei più bassi dell'intero arco appenninico, ha sicuramente favorito una serie di piccoli insediamenti preromani, umbri ed estruschi.
Le prime notizie certe comunque si hanno attorno all'anno mille, quando attorno ad un monastero fondato da San Romualdo (ora disperso) nacque il primo centro abitato stabile.
Si racconta che ben presto gli abitanti abbiano "cacciato san Romualdo a vergate" e da questo fatto sarebbe nato l'attuale toponimo di Verghereto.
Il nucleo fu ben presto fortificato, anche per la sua posizione dominante e di controllo sulle vallate sottostanti, ed assoggettato alle varie signorie locali (Tarlati, Ubertini, Guidi e Della Faggiola) per passare poi nel XV secolo sotto il controllo della signoria di Firenze che vi eresse un Vicariato con giurisdizione civile.
Restò sotto l'influenza di questa città fino al 1923, quando fu annesso alla provincia di Forlì.

Miscellanea storica

Corografia d'Italia Gran Dizionario vol. III - Massimo Fabi ed. Francesco Pagnoni Milano 1854

Pagina 45

RIO FREDO di VERGHERETO. Villaggio in Toscana, comunità di Verghereto, compartimento di Firenze, che ha una popolazione di 147 abitanti.
Sta in monte fra due torrentelli, 7 miglia circa distante da Verghereto.


Pagina 612

VERGHERETO. Villaggio in Toscana, capo-luogo di comunità, compartimento di Firenze, che ha 500 abitanti.
Sta in val del Savio, vicino agli Stati Pontificj  Possiede un vecchio castello, ed ha un'antica badia fondata da S. Romualdo. Nel suo sterile territorio vi abbondano i faggi. Nella sua comunità traggono origine i fiumi Tevere e Savio. Dista 10 miglia da Alvernia.


Corografia d'Italia Vol III - P-Z - Giovanni B. Rampoldi ed. Per Antonio Fontana Milano 1834

Pagina 1381

VERGHERETTA, già forte castello ed in oggi villaggio di poca considerazione nel grandncato di Toscana, presso il quale, siccome posto sul dorso di dirupato monte quasi alla vetta dell'Apennino, ha le sue sorgenti il Savio, a 2 miglia al di là verso scirocco trovansi le fonti del Tevere. ....
conta poco più di 600 abitanti. Con i villaggi di Balze, Corneto, Montegiusto , Nasseto , Montecoronaro, Perreto, Alfero, Capanne, Donicilio, Mazzi e Riofreddo forma una comunità di poco più di 2,600 abitanti, .... Vi si tengono 3 annuali fiere di bestiami, al 24 agosto, nel secondo lunedì di settembre e nel primo sabato di ottobre.


Dizionario Corografico dell'Italia - Vol. 1 da A a B - Prof. Amato Amati ed. Vallardi - Milano 1869

Pagina 195

ALFERO. — Frazione del comune di Verghereto, in Toscana, provincia di Firenze, circondario di Rocca San Casciano, delegazione di Bagno.
L'ufficio postale è a Bagno,
È un villaggio che conta circa 300 abitanti, situato alle pendici orientali del monte Comero nella valle detta dell' Agnello, 12 chilometri circa a greco da Verghereto. A breve distanza da Alfero vi è un castello dello stesso nome.


Dizionario Corografico dell'Italia - Vol. 8 da T a Z - Prof. Amato Amati ed. Vallardi - Milano 1869

Pagina 1161

VERGHERETO - Comune in Toscana, prov. di Firenze, circond. di Rocca San Casciano, mand. di Bagno in Romagna....

La sua popolazione di fatto, secondo il censimento del 1861, contava abitanti 2218 (maschi 1125, femmine 1093); quella di diritto era di 2332....
Il suo territorio è montuoso, e dà origine ai fiumi Tevere e Savio. Vi scorrono pure diversi altri corsi d'acqua. Le principali elevazioni prendono il nome di monte Aquilone o de' Sassoni, Coronaro, delle Balze, del Poggio, de'Tre Vescovi e di Corneto. Non si contano che pochi àlberi da frutto; molti però sono i castagni e le macchie di faggi; ma il più considerevole prodotto si ha dalle numerose ed estese praterie naturali per i pascoli degli animali lanuti e delle bestie bovine e cavalline. Trovasi selvaggiunae in qualche copia. La viabilità lascia alquanto a desiderare. Vi si respira un' aria saluberrima.
Verghereto è un villaggio che siede sopra un angusto sprone di terreno friabile, che serve quasi di cavalcavia fra l'Apennino di Camaldoli ed il monte Coronaro. ...
Vi si tengono due annue fiere, la prima nel secondo lunedì di settembre, e l'altra addì 15 ottobre. ...
Il castello di Verghereto se non ebbe origine famosa, crebbe in fama per una celebre badìa che vi fondò nel 987 san Romualdo.


Dizionario Geografico Fisico Storico della Toscana - A-C - Vol. I - Emanuele Repetti ed. Firenze 1833

Pagina 30

ABAZIA DEL TRIVIO (S. Maria) nell’Appeninno di Verghereto, presso Monte Coronaro ...................
Ebbe nome di Trivio dalla tripartita via che all’Alvernia, alle Balze ed a Verghereto e Bagno si dirige. Fra i tre più elevati gioghi della catena centrale dell’Appennino, sopra uno sprone che diramasi dal dorso del Bastione a quello fra il Comero e la Cella di S. Alberigo....... risiedono tuttora pochi avanzi di questo celebre monastero dell’ordine di Camaldoli.
Fu fondato nel secolo XI dai conti di Montedoglio e di Chiusi 
..............
Sublime, pittoresca e romantica è la scena che si presenta al viaggiatore, allorché dall’Alvernia o dall'Eremo di Camaldoli dirigendosi al Trivio giunge sul giogo più elevato dell'Appennino centrale, al luogo denominato il Bastione. Estesissime faggete, ei vede, che ne rivestono il dorso a settentrione; grottesche, precipitose rupi che s’innalzano fra verdi praterie nella direzione di scirocco; mentre dal lato orientale gli si para innanzi un laberinto di monti divisi da anguste profonde valli solcate da umili ruscelli, dai quali poi prendono origine il Savio, la Marecchia ed il famoso Tevere. 


Pagina 51

AGNELLO (VALLE DELL'). Estesa piaggia sull'Appennino centrale situata nel confine orientale del Granducato, fra l'Alferello e le due Pare, i quali torrenti scaturiscono dal monte della Cella, irrigano questi erbosi pascoli, e lambendo il fianco orientale del Monte Comero si dirigono nel fiume Savio sopra Sarsina; Comunità di Verghereto, Giurisdizione di Bagno.


Pagina 52

AGUGLIONE (MONTE) Mons Aquilonis. Nome di un monte presso alla sorgente del Tevere fra le Balze e la Cella di S. Alberigo. 


Pagina 53

ALFERO (Alpharum)Casale con chiesa arcipresbiterale.............
Risiede sulla ripa sinistra del torrente Alferello nelle ultime pendici orientali del Monte Comero presso la vallecola detta dell’Agnello.
Fu un tempo signoria della badia del Trivio ...........
 Attualmente il territorio di Alfero è posseduto in gran parte dalla famiglia Salvetti di Bagno, che vi ha una vasta fattoria.
............
 La parrocchia di Alfero ha 243 abitanti. 


Corografia Fisica Storica dell'Italia Vol IX - Attilio Zuccagni Orlandini ed. Firenze 1841

Pagina 814

Comunità di Verghereto Superf.Migl.quadr.geogr. 34,53 — Pop. Abit. 2,211(1840)

Verghereto siede sul dorso di dirupata montagna, non molto lungi dalle sorgenti del Savio. L'acquistarono i Conti Guidi nel I225 da un Bernardi creditore di un Conte di Castro Caro. Nel 1404 fu loro tolto dai Fiorentini. Salendo a Verghereto per la via dirupata di Bagno, trovasi sotto il castello in un piccolo ripiano un campo santo, ove pochi anni sono era l'Àrcipretura; più in alto un gruppo di povere abitazioni; poi l'antico oratorio di S. Antonio divenuto ora parrocchia, piccola chiesa ma assai decente. Presso di essa distaccasi dalla strada principale un erto cammino per cui si ascende al Pretorio, ora pubblica scuola: dietro il Pretorio in un ponticello di galestro era l'antica rocca, ove restò la campana del pubblico. Proseguendo la via del borgo, ove essa incomincia a discendere trovavasi la porta castellana che fu demolita. Al di sotto è un gruppo di case con piazza, ed un piccolo oratorio di S. Rocco edificato per voto popolare nel 1520. Al termine del castello era la cancelleria, ora casa doganale; poco al di sopra è un oratorio dedicato alla Madonna della Neve. Esistè in Verghereto una Badia, che fu prima sottoposta a Camaldoli, e poi soppressa. Qui risiedeva un Potestà fino dal 1828, e fu poi tolto quel tribunale; eravi Cancelleria, e fu soppressa. Vi resta un Maestro.


Dizionario topografico dei comuni d'Italia - Attilio Zuccagni Orlandini ed. soc. editrice Firenze 1861

Pagina 1019

Verghereto (Toscana). Prefettura di Firenze; circond. di Rocca S. Casciano ; deleg. di Bagno. Siede questo castello sul dorso di dirupata mon-tagna, non molto lungi dalle sorgenti del Savio. Nel 1225 i conti Guidi lo comprarono da un Bernardi, e nel 1414 ad essi lo tolsero i fiorentini. Popol. 2454.


Indicatore topografico della Toscana Granducale - AA.VV. ed. Edizione Polverini - Firenze 1856

Pagina 15

ALFERO, s. Andrea Apostolo, Arcipre-tura di lib. collaz., Dioc. di s. Sepolcro. - Nelle Valli Transpennine. - Com. di Verghereto, Canc, di Bagno. - Pref. di Firenze, Sotto-Pref. della Rocca s. Casciano, Deleg.di Bagno. - Pret. civ. e crim. di Bagno, Trib. di 1' Ist della Rocca s. Casciano, Corte regia di Firenze. - Po-polaz. 1845 ab. 274. - 1855 ab. 311.


Pagina 386

VERGHERETO. - Popolaz. 1845 ab. 2182. - 855 ab. 2343.

Capoluogo. Siede questo castello sul dorso di dirupata montagna, non molto lungi dalle sorgenti del Savio. L'acquistarono i Conti Guidi nel 1225 da un Bernardi creditore di un Conte di Castrocaro. Nel 1404 fu loro tolto dai Fiorentini. - ..... Esistè in Verghereto una Badia, che fu prima sottoposta a Camaldoli, e poi soppressa. 

VERGHERETO, s. Michele Arcangelo,- Popolaz. 1845 ab. 454. - 1855 ab. 444.


Le armi dei municipi Toscani - Luigi Passerini ed. E. Ducci 1864

Pagina 298

VERGHERETO (compartimento Fiorentino)

Ignoro l'origine e la ragionedi quest'arme.

Segnala a un amico busta
© www.appenninoromagnolo.it 2003-2019
Torna su