Home
 
Paesi & Paesaggi
Itinerari
Foto Album
Tempo Libero
Info



lucchetto
Itinerari Trek
MONTE FALCO - FALTERONA

I "giganti" dell'Appennino.

Le due vette sono le più alte dell'intero crinale dell'Appennino Romagnolo - Monte Falco mt. 1657 e Monte Falterona 1654 -

Le "strade di accesso" più conosciute per Monte Falco sono almeno due:
Dal Passo Piancancelli oppure da Passo Calla

Accesso da Passo Calla mt. 1296 - Km 4
Il passo si raggiunge risalendo la vallata del fiume Ronco-Bidente, già S.S. 67 ora strada Provinciale n. 4, superato il paese di Santa Sofia si prosegue per Corniolo, Campigna ed infine Passo Calla (mt. 1296).
Rifugio Burraia
Rifugio La Burraia

Sul passo lasciare l'auto e prendere sentiero 00 GEA (segnalato) che si trova a fianco di una struttura in legno, a sinistra della strada che sale al passo Fontanelle.

Si cammina in salita in mezzo ad una folta faggeta, il percorso si snoda parallelo alla sottostante asfaltata (non visibile).
Circa 1,5 Km e si raggiunge il rifugio La Burraia (mt. 1451) struttura aperta su prenotazione, utilizzata da escursionisti o gruppi per brevi soggiorni montani.

Poche centinaia di metri e sbuchiamo sui "pratoni della Burraia" utilizzati nel periodo invernale come campi da sci.
Si prosegue sui prati fino all'altezza del rifugio CAI, che resta più basso sulla nostra destra, per piegare poi a sinistra fino a raggiungere il crinale. (non seguire la pista forestale che ci riporterebbe sulla strada sotostante che proviene dal passo)
Da qui ricomincia il sentiero che prosegue in un basso bosco a faggio.

Monte Falco

Si prosegue in leggera salita superando Poggio Lastraiolo mt. 1463, poggio Sodo dei Conti mt. 1559, (a poca distanza struttura militare) e la deviazione per Pian delle Fontanelle(da ignorare).

Da questo punto poche centinaia di metri in falsopiano e sbuchiamo sulla sella prativa di Monte Falco. (ampi tratti coperti da piante di mirtillo)

Accesso da Passo Piancancelli (mt. 1490)
(pista del lupo)
Da Passo Calla proseguire sull'asfaltata (a destra sul passo), superati in sequenza i piazzali di sosta del rifugio CAI, dei Fangacci (area attrezzata e punto sosta per camper) e il rifugio La Capanna, si giunge al piazzale del Passo Piancancelli (da questo punto la strada è sbarrata).
Parcheggiare l'auto e prendere sentiero sulla sinistra (segnalato) per Monte Falco.

Questa è sicuramente la via più breve per giungere a Monte Falco - con andatura tranquilla si può raggiungere la vetta in poco più di mezz'ora.

Si parte in salita, non eccessivamente ripida, camminando su largo sentiero in mezzo ad un bella faggeta che aggira il Poggio Piancancelli.

Sodo dei Conti
sodo dei Conti
L'ascesa risulta relativamente facile, pur se costantemente in salita non si incontrano tratti eccessivamente ripidi.
Si giunge così dopo circa 800 metri dalla partenza alla sorgente "Sodo dei Conti". (mt. 1600)
Da qui nasce il fosso del Satanasso, ramo iniziale del fiume Bidente delle Celle.
Questa è la fonte più alta di tutto l'Appennino.
Da questo punto in poco più di 100 metri di "dura salita" si raggiungeva la cima.
Recentemente è stato chiuso l'accesso per questa via per preservare particolari formazioni vegetali, ed è stato predisposto un nuovo tracciato che con un giro un pò più ampio si ricongiunge con il sentiero che proviene dal Passo Calla (vedi sopra).
Questo nuovo tratto in salita più ripida rispetto a quanto fino ad ora percorso, presenta diversi tratti sassosi. Risulta comunque di facile percorribilità.
Monte Falco
monte Falco
Giunti ai prati di Monte Falco, portarsi al balconcino panoramico posto al termine della sella prativa.
Si apre un immenso panorama sulla catena appenninica, ed è facile da qui riconoscere "ai nostri piedi" il tondeggiante Pian delle Fontanelle, e il lontano passo del Muraglione.
I paesi che si scorgono sul fondovalle sono rispettivamente, a sinistra Castagno d'Andrea, più a destra San Godenzo.
Monte Falco
monte Falco

Lasciato il balconcino ritorniamo indietro per pochi metri poi prendiamo il sentiero che inizia sulla destra e scende velocemente di alcuni metri, fino a raggiungere un crinale.
Si procede ora in falsopiano, in mezzo a bosco a faggio, per circa un chilometro.
Alla nostra sinistra l'ampia conca della Buca della neve, e a tratti ampi panorami sul versante Toscano dell'Appennino.

Si giunge così al bivio per Monte Falterona.
L'ultimo tratto da percorrere è breve, poche centinaia di metri, ma molto ripido. Il sentiero si inerpica letteralmente sulle pendici del monte, zigzagando in un boschetto, fino a raggiungere i prati del Falterona.
Sulla cima grande croce in legno.
(da Monte Falco al Falterona 30 minuti circa)
Falterona
monte Falterona
Segnala a un amico busta
© www.appenninoromagnolo.it 2003-2017
Torna su