Home
Sarsina


Sarsina - Lago di Quarto

Sezione realizzata in collaborazione con
www.prolocolagoquarto.it

Le imagini di questa sezione sono state fornite a www.appenninoromagnolo.it dalla pro loco di Quarto, che ne è l'esclusiva proprietaria; è espressamente vietato copiare, manipolare o pubblicare altrove queste immagini senza l'autorizzazione del proprietario delle immagini.

Da Sarsina si risale la valle del Savio direzione Bagno di Romagna e si giunge dopo 8 km in località Quarto ( 400 m .s.l.m.), l'unica frazione del territorio di Sarsina ad essere collocata in Alto Savio. Da sempre passaggio obbligato per i Pellegrini diretti a Roma, Quarto anche oggi si colloca su un'arteria nevralgica della circolazione stradale dell'Italia centrosettentrionale, la E /45 (l'uscita è a circa 1,5 km dal paese). Il paese deve il suo nome alla distanza che lo separa dall'antico municipio romano di Sarsina, quattro miglia romane. Qui prima l'irruenza della natura poi l'intervento dell'uomo hanno dato origine all'attuale bacino lacustre, a cui Quarto ha dato il nome.
Il suo invaso nato da una frana del 1812 è uno degli ambienti di maggior interesse naturalistico dell'Alta Valle del Savio. Con le sue acque ricche di pesce viene utilizzato per produrre energia elettrica grazie alla centrale idroelettrica posta a valle del centro abitato ed in minima parte per scopi potabili. Se amate la natura e la gastronomia, il vostro soggiorno a Quarto sarà una pausa di completo benessere. Tutto il suo territorio rappresenta un vero e proprio paradiso per l'amante della natura, a partire da tutte quelle attività da svolgere lungo i suoi corsi d'acqua con canoa e barca. Stupendo è il tratto di fiume tra la diga di Quarto e la Centrale Idroelettrica , sia per chi pratica la pesca sportiva, sia per chi cerca refrigerio dal caldo estivo.
Chi ha “gambe buone”, come si dice dalle nostre parti, può praticare trekking e mountain bike. Si possono raggiungere attraverso i sentieri che si diramano lungo la pineta secolare e le sue foreste, punti panoramici di notevole interesse, (cippo di Montalto 840 m .s.l.m. – Monte Facciano 935 m .s.l.m. ecc…) inebriarsi dell'aria frizzantina delle sue montagne e, coloro che desiderano un soggiorno a contatto diretto con la natura, possono trovare numerose aree adatte al camping e pic-nic. Qui, ambiente e tradizione, si fondono per regalarVi una vacanza in pace e comunione, con la quiete della natura.
Fate un'escursione all'insegna dello sport, della natura e … perché no, della gastronomia!
Nelle strutture ricettive immerse nel verde la cucina è quella genuina della tradizione Tosco-Romagnola, tutta da gustare!
La Pro Loco locale, con oltre 300 soci e quasi 25 anni di attività , si presenta come un associazione giovane e vivace ed il suo entusiasmo ha richiamato numerosi tesserati anche dalle località vicine. Durante tutto l'anno organizza feste, sagre paesane, escursioni alla scoperta dei luoghi di interesse storico e artistico, di cui è ricco il nostro territorio, spettacoli teatrali e musicali che coinvolgono un pubblico sempre più vasto.
Direttamente nel centro abitato del paese vi è il Santuario della Madonna Pellegrina dove al suo interno è custodita la Venerata immagine della Madonna Pellegrina. Tra i vari dipinti su tela del XVI secolo, vi è l'unica raffigurazione del castello del celebre Uguccione della Faggiola citato da Dante Alighieri nella Divina Commedia. Il parco “Lo Spuntone” munito di panchine, acqua potabile, tavoli, barbecue ed illuminazione, si presta molto bene a pranzi e cene.
Quarto è comunque una frazione del tutto indipendente con tutti i servizi e comodità necessarie ad una famiglia e/o turista. E' presente direttamente in paese: un Sali Tabacchi, un Alimentari, due Ristoranti, due Bar, una Pizzeria, una Locanda, un Santuario, due campi da calcetto, un campo da calcio in erba regolamentare e fermate dell'ATR direttamente in paese.

Il fiume Savio

Immissario del Lago di Quarto è particolarmente indicato per la pesca. Bellissimo e facilissimo da percorrere è il tratto di fiume che scende dalla Diga di Quarto fino alla Centrale Idroelettrica.

E' particolarmente indicato per la pesca ma anche per chi vuole trovare refrigerio dal caldo estivo grazie ai suoi numerosi gorghi e cascate naturali. Diverse sono le specie ittiche che lo popolano, come cavedani, tinche, anguille, carpe, barbi, trote, e varie specie di raganelle.

Spettacolari e spumeggianti le cascate naturali presenti nel tratto di fiume che scorre dalla Diga di Quarto fino alla sua Centrale Idroelettrica.
E' un vero paradiso per chi cerca refrigerio lontano dal caos della vita quotidiana.
Presenti anche gorghi naturali dove trascorrere giornate indimenticabili.

 

PARCO LO SPUNTONE

Facilissimo e comodo da raggiungere dal centro abitato di Quarto ubicato in prossimità dell'omonima Diga rappresenta un punto ideale per l'osservazione del bacino e la pratica della pesca. Inaugurato nel 2001 e nato da un'iniziativa della Pro-Loco Lago Quarto, il parco “Lo Spuntone” sorge sulle sponde del Lago accanto alla Diga, lungo la strada che conduce dal Quarto alla località Massa.

E' munito di panchine, acqua potabile, tavoli, barbecue ed illuminazione, si presta molto bene a pranzi e cene.

CIPPO DI MONTALTO 840 m .s.l.m.

Sommità dalla quale si staccò un immane frane nel 1812 che travolse il centro abitato di Quarto.
Grazie ad una iniziativa della Pro-Loco Lago di Quarto sulla sua vetta è stato eretto un monumento, in onore delle 18 vittime della frana. Qui è stata posizionata una turbina della Centrale Idroelettrica di Quarto, proprio ad indicare che, da quell'avvenimento, ha avuto origine il Lago e successivamente la Centrale Idroelettrica.
Stupendo è il panorama che si può godere dalla cima: di fronte il Monte Fumaiolo, sotto l'invaso del Lago di Quarto, il centro abitato di Quarto e sulla sinistra il Monte Carpegna (Marche).
Di notevole valenza le sue foreste che nel versante lato paese, sono quasi interamente rappresentate dalla stupenda e secolare foresta di Pino Nero, mentre nel versante opposto (nord) sono costituite principalmente dal carpino nero, acero, faggio e castagno.
L'area è attrezzata con tavoli e panchine dove si può gustare un bel pranzo al sacco.

LA FORESTA DI PINO NERO

Sorta sulle pendici che evidenziano ancora oggi il vasto movimento franoso del 1812 è un bel esempio di bosco ricostruito dall'opera dell'uomo. La foresta di Pino Nero si sviluppa dalle sponde del lago di Quarto fino alla vetta di Montalto 840 m .s.l.m. ed è arricchita dalla presenza di varie specie di caducifoglie ed arbusti. In primavera si possono osservare splendide fioriture di orchidee nei pascoli adiacenti alla pineta e rappresenta l'habitat ideale del capriolo, del cinghiale, della volpe, del gufo, dell'allocco, del falco e della poiana.

SANTUARIO della MADONNA PELLEGRINA di QUARTO

Direttamente nel centro abitato di Quarto, sorge il Santuario della Madonna Pellegrina, eretto nella seconda metà del secolo scorso per volontà del Vescovo di Sarsina Mons. Emilio Bianchieri.
All'interno del Santuario è custodita la Venerata immagine della Madonna Pellegrina, giunta a Quarto il 2 giugno 1950 dopo la celebre e lunga “Peregrinatio Mariae” tra le varie parrocchie dell'Alta Valle del Savio.
Qui, numerose coppie di fidanzati provenienti da ogni parte della Diocesi, decidono di sposarsi ai piedi della Celeste Pellegrina Regina della Famiglia, affidando a Lei la materna protezione della loro nuova unione affinché avvolti dal Suo manto, i figli crescano al sicuro dal male che è nel mondo.
Chi visita il Santuario può ammirare, oltre alla lignea statua della Madonna, le dieci vetrate istoriate del Maestro Goffredo Gaeta che nel presbiterio rappresentano temi eucaristici, mentre nel corpo della chiesa raffigurano i momenti più significativi della vita della Madonna. Tra i vari dipinti su tela del XVI secolo, vi è l'unica raffigurazione del castello del celebre Uguccione della Faggiola citato da Dante Alighieri nella Divina Commedia.
Recentemente con decreto vescovile, alla parrocchia di Quarto sono state annesse le parrocchie esistenti di Massa, Saiaccio e Valbiano e il Can. don Gabriele Foschi ne è l'attuale amministratore.
Tra le strutture parrocchiali adiacenti alla chiesa, si trova un ampio salone con palco da sempre luogo di incontri, recite e conferenze di alto livello con personaggi di rilievo tra cui ricordiamo il Cardinale Ersilio Tonini.
Grazie agli spazi ed alle strutture disponibili, come il campo da calcetto, l'area attrezzata con giochi per i più piccini, vi è la grande cucina a disposizione per cene o pranzi in occasione di feste di vario tipo. Quarto, grazie alla sua valenza paesaggistico ambientale ed alla sua collocazione nell'Appennino Tosco-Romagnolo, diventa meta ambita da Scout e Gruppi che qui trovano ospitalità a prezzi contenuti, in un ambiente a dir poco favoloso.

IL SANTUARIO E' APERTO al PUBBLICO TUTTI i GIORNI dalle 08.00 alle 18.00

•  OGNI DOMENICA viene celebrata la Santa Messa alle ore 10.30;

•  LA FESTA PATRONALE viene celebrata nella prima domenica dopo il ferragosto. Durante la Santa Messa la Madonna Pellegrina è portata in processione per le vie del paese.

Segnala a un amico busta
© www.appenninoromagnolo.it 2003-2019
Torna su