Home
 
Paesi & Paesaggi
Itinerari
Foto Album
Tempo Libero
Info



lucchetto

Paleolitico inferiore

Prime tracce dell'uomo nel territorio
manufatti litici rinvenuti sulle prime alture

Paleolitico superiore

presenza umana nelle valli
reperti rinvenuti in val di Savio

Neolitico

insediamenti stabili
rinvenuti a Mercato S.

 

Eneolitico

presenza umana in tutte le valli
ritrovamenti di reperti in tutte le
vallate (accette, punte di freccia ecc)

 

armi

Villanoviano

Sviluppo nella zona di Verucchio e insediamenti stabili a Sogliano

Umbro-Etrusco (fra il X e il VI secolo a.C.)

popolamento diffuso nascita di centri importanti fra i quali Mevaniola (nei pressi di Pianetto) e Sarsina capoluogo della tribus Sapinia

Del periodo importante è la Grotta di Rio Tiberio ritrovata nella catena a monte di Riolo Terme.
Ritrovamenti interessanti anche a Monte Falterona (bronzetti)

mevaniola

romana

Conquista Romana (fra il III e il II sec. a.C.)

268 a.C. fondazione di Ariminum (Rimini) e penetrazione nelle vallate interne
Conquista dei centri Umbri Sarsina e Mevaniola.
Costruzione della via Emilia (187 a.C.) e rioganizzazione delle vie transappenniniche:
Ariminum valle del Marecchia
Caesena valle del Savio,
Forum Popolii valle del Bidente
Forum Livii valle del Montone
Faventia valle del Lamone
Claterna valle del Santerno e Idice

Costruzione in età traianea (II sec. d.c.) di un acquedotto che dalla valle del Bidente porta acqua a Ravenna.

Divisione operata da Augusto in Regioni:
L' VIII Aemilia
La VI Umbria (valli Marecchia e Bidente)

 

Medioevo

regresso demografico
guerra greco-gotica (535-553) invasione longobarda (568) carestie e pestilenze

Prime pievi e chiese plebane (S.Stefano a Modigliana, S.Cassiano a Rocca S.C. e San Cassiano in Pennino a Predappio.

Mevaniola decade e viene fondata l'Abbazia di S. Ellero nei pressi di Galeata

 

san Cassiano
Predappio - San Cassiano in Pennino

Bizantini - Longobardi

Caposaldi in zona montana, a S. Ellero e a Ranchio
Nascita della struttura feudale con costruzione di castelli.

Nella parte alta delle vallate sorgono i centri monastici (S. Maria del Trivio, San Michele a Verghereto, S. Maria in Bagno, Eremo Nuovo, San Donnino, San Benedetto in Alpe, S. Andrea a Dovadola)

I territori che non si sottomisero ai Longobardi e rimasero fedeli a Ravenna e Bisanzio, e successivamente donati al Papa, vennero in questo periodo denominati Romagna o Romaniola (fedeltà a Roma)

Signorie feudali

Le parti alte dei bacini montani sono dominate dalle famiglie:
Ubaldini e Pagani nelle valli occidentali
Guidi e Ubertini nelle valli mediane
Montefeltro e Malatesta valli orientali

Le parti più a valle vengono inglobate dai comuni delle città poste lungo la via Emilia


Repubblica Fiorentina - Granducato di Toscana
Regno d'Italia

secoli XIII e XV penetrazione Fiorentina e nascita della Romagna toscana che, contrapposta alla Romagna pontificia, controlla tutti i passi appenninici.

Accentramento delle funzioni giurisdizionali e amministrative, istituzione della "provincia di Romagna" (1542)

Realizzazione del sistema viario (passo della Futa 1752 -passo del Muraglione 1832-36 Traversa di Romagna 1835-40 passo dei Mandrioli 1872-80)

 

Annessione del 1923

Territori della Romagna Toscana annessi nel 1923 alla provincia di Forlì:
comuni di Bagno di Romagna, Dovadola, Galeata, Modigliana, Portico e San Benedetto, Premilcuore, Rocca San Casciano, Santa Sofia, Sorbano (Sarsina), Castrocaro Terme e Terra del Sole, Tredozio e Verghereto

Segnala a un amico busta
© www.appenninoromagnolo.it 2003-2017
Torna su