Home
 
Paesi & Paesaggi
Itinerari
Foto Album
Tempo Libero
Info



lucchetto
Valli Romagnole

Valle del Conca

Il Torrente Conca (detto nell'antichità Crustumio) nasce dal Monte Carpegna (mt 1415), e dopo un corso di circa 50 Km si getta nell'Adriatico nei pressi di Cattolica

monte Carpegna

Il suo corso è accompagnato dalla strada provinciale di fondovalle, in Emilia Romagna nel primo tratto la SP 17 (Saludecese) fino a Morciano, poi SP 18 fino a confine di Regione nei pressi di Sassofeltrio.
Entrati nelle Marche procede su SP 2 fino a Montecerignone.
Nei pressi di questa località il torrente si allontana dalla strada che procede per l'abitato di Carpegna, puntando decisamente verso il monte Carpegna che raggiunge dopo aver attraversato la SP6 (Montefeltrese) che unisce Mercato Vecchio a Villagrande di Montecopiolo.

Lungo il suo corso a parte Mercatino Conca e Morciano di Romagna, non attraversa agglomerati urbani sede di comune, ma principalmente piccoli borghi e frazioni.
La maggior parte dei comuni di questa vallata sono posti sulle colline che fanno da corona al letto del fiume.

La vallata si risale partendo da Cattolica, e superato velocemente San Giovanni in Marignano si giunge a Morciano di Romagna.
Da qui si può iniziare la scoperta dei tanti piccoli borghi che costellano la Valconca.

Una prima deviazione ci porta subito sulle prime colline per visitare le prime tre caratteristiche cittadine di questo territorio.
Prendiamo la SP 17 (Saludecese) e in circa 8 Km raggiungiamo Saludecio, antico castello ancora racchiuso da mura e che conserva ben intatta la struttura medioevale. Usciti dal paese e ci portiamo velocemente al vicino Mondaino che ci accoglie con la sua possente rocca, e la sua caratteristica piazza detta "Padella" per l'originale conformazione a semicerchio.
Un'ultimo (complessivamente 7 Km da Saludecio) e troviamo un altro "gioiello" del Montefeltro, il paese di Montegridolfo, posto ai confini della Provincia di Pesaro, e ormai quasi sulla valle del Foglia.
Passeggiando per le viuzze del centro, racchiuso all'interno del castello che ha conservato praticamente intatta la sua struttura medioevale, sarà facile provare la senzazione di trovarsi in un tempo passato.

Ci portiamo ora, transitando per Tavoleto alla possente rocca di Montefiore Conca, baluardo dei Malatesta, ed ancora oggi per la sua particolare struttura e posizione riconoscibile anche da lontano in tutta la bassa valle del Conca.
Prima di riguadagnare il corso del fiume è d'obbligo una ulteriore breve deviazione fino a Gemmano, paese coinvolto in un'aspra battaglia nel settembre del 1944 e completamente distrutto, oggi dell'antico borgo medioevale restano solo alcuni tratti della cinta muraria. La sua posizione e gli ampi panorami che si possono ammirare gli hanno comunque meritato l'appellativo di "balcone dell'Adriatico".

Riportiamoci a Morciano e in ulteriori 3,5 chilometri a San Clemente - antico castello in forte rivalità con con i borghi di Saludecio e Montefiore per il controllo dei mercati e del "guado di Morciano. Le possenti mura, testimoni delle lunghe e sanguinose contese che hanno caratterizzato tutto il territorio, cingono ancora oggi il pittoresco abitato. Mantenendosi alti sul corso del fiume, raggiungiamo per strade locali che corrono fra ordinati coltivi ai vicini Montecolombo e Montescudo.

Riguadagnamo il corso del fiume e poco dopo aver lasciato la provincia di Rimini per entrare nelle Marche (Pesaro) affrontiamo l'ennesima deviazione, sempre in sponda sinistra del Conca, per raggiungere Sassofeltrio antico e potente castello già conosciuto con il nome Serra del sasso. Sei chilometri ci riportano a fondovalle, al moderno abitato di Mercatino Conca, unico paese della vallata edificato in sponda al fiume che qui viene attraversato un un lungo ponte a 6 arcate che conduce alla attigua valle del Foglia.
Proseguiamo però verso monte sulla SP 2 e poco dopo aver superato Mercatino troviamo una deviazione sulla destra che ci riporta sulle colline, verso la nostra successiva meta, Montegrimano centro termale e antico borgo fortificato con caratteristica struttura interna a conformazione a spirale, punto panoramico di notevole interesse sulla media valle del Conca.
Ridiscendiamo a valle, e in circa 9 Km raggiungiamo Monte Cerignone, antico maniero appollaiato su uno sperone roccioso al centro della valle del Conca.
Continuando a risalire la valle giungiamo al bivio per Villagrande di Montecopiolo (5 Km) , moderna stazione turistica estiva e invernale posta ai margini del parco naturale Sasso Simone e Simoncello.

Pietrarubbia e Pietrafagnana
Proseguendo di contro per la direttrice principale si raggiunge in breve Mercato Vecchio, sede comunale del castello e borgo di Pietrarubbia, antico nucleo fino a pochi anni or sono disabitato ed in rovina, oggetto recentemente di una lodevole ristrutturazione.
Restano ora gli ultimi 6 chilometri per arrivare a Carpegna, ultimo paese della valle posto ai piedi dell'ominimo monte di 1415 metri, dal quale nasce il Conca o, come qualcuno più gentilmente lo chiama, La Conca.

alta val Conca vista da Monte San Lorenzo (Val di Teva)
foto tour
Segnala a un amico busta
© www.appenninoromagnolo.it 2003-2017
Torna su