Home
 
Paesi & Paesaggi
Itinerari
Foto Album
Tempo Libero
Info



lucchetto
Valli Romagnole

Valle del Bidente

Anticamente chiamato Aqueductus (fiume Acquedotto)
Il nome deriva probabilmente dalla particolarità che le acque del Bidente, oggi come nell'antichità, sono sempre state utilizzate per "dissetare la pianura", tanto che Teodorico (497 d.c.), soggiornò nei pressi di Galeata per far restaurare l'acquedotto che portava l'acqua a Ravenna.
Già confine politico fra i Galli Boj e gli Umbri Sarsinati, nel medio evo il ramo di Strabatenza sembra che dividesse l’Esarcato di Ravenna dalla Pentapoli.

Tre rami principali danno origine a questo fiume, e più precisamente:
Bidente di Corniolo, che ha origine dalla confluenza di due rami che nascono da poggio Scali e da Passo Calla,
Bidente di Ridracoli, che ha origine dalla confluenza di diversi rami secondari che formano l'invaso artificiale di Ridracoli, e si unisce all'altezza di Isola con il Bidene di Corniolo;
Bidente di Pietrapazza che nasce dal Passo dei Mandrioli e si unisce agli altri due rami pochi chilomtri a monte di Santa Sofia.
Il fiume poi scorre lungo l'omonima valle e poco dopo aver ricevuto l'affluente di destra Voltre, raggiunge Meldola e da qui assume il nome di Ronco.
Si unisce infine nei pressi di Ravenna con il fiume Montone, dando origine ai "Fiumi Uniti", per sfociare infine in Adriatico a Lido di Dante.


Il suo corso è accompagnato dalla strada di fondovalle SS 310 Bidentina.
I principali centri che si incontrano scendendo la vallata sono:

Risaliamo la vallata partendo da Forlimpopoli, sulla via Emilia a sud del paese (verso Cesena) prendere la deviazione segnalata per Bertinoro antico borgo posto su di un colle a 257 metri slm - paese dell'ospitalità, patria del Sangiovese, balcone della Romagna. Da Bertinoro proseguire fino alla chiesetta di Polenta già ricordata da Dante nella Divina Commedia (segnalazioni in loco), e successivamente scendere a Fratta Terme (piccolo paese termale sulle prime colline).

In pochi chilometri raggiungiamo Meldola ed il fondovalle, attraversando il Bidente sull'antico ponte dei Veneziani di Meldola.
Da questo paese seguiamo la SS310 del Bidente che segue costantemente il corso del fiume.
Dopo 11 Km su strada ben percorribile e vallata ampia incontriamo il castello di Cusercoli antico maniero che disposto traversalmente rispetto al nostro senso di marcia sembra quasi chiuderci la via.

Da qui importante deviazione per le vallate del Voltre e del Borello, che con percorso altamente panoramico e caratterizzato da forti pendenze ci consente di visitare queste due valli interne caratterizzate da piccole frazioni sparse ricche di storia e ruderi di antichi castelli.

Proseguendo sulla statale, si prosegue per valle che pur rimanendo abbastanza ampia, inizia a restringersi, così come il corso del Bidente che scorre sempre più basso rispetto al piano stradale.
In 7,3 chilometri giungiamo al prossimo comune della vallata Civitella di Romagna, interessanti l'antico borgo (deviazione sulla destra all'inizio del paese) e l'imponente santuario di Santa Suasia (alla nostra sinistra a monte dell'abitato).
Da Civitella poco dopo il centro del paese interessante deviazione (poco visibile) per Cigno - Civorio e vallata del Borello, ardito valico con pendenze "dolomitiche" e panorami stupendi con vista che può spaziare dall'Appennino all'Adriatico.

La Statale prosegue seguendo il corso del Bidente, in questo tratto non visibile, ed in appena 3 Km raggiunge Galeata, sede comunale e centro ricco di storia.
Da Galeata deviazione per la valle del Rabbi (valico del Monte delle Forche).
Qui troviamo su un colle l'antica ed un tempo potentissima abbazia di san Ellero, a monte del paese in frazione Pianetto possiamo visitare i pochi resti dell'antica e perduta città di Mevaniola (potente centro commerciale e politico fondato dagli Umbri) e i ruderi dell'antico castello che controllava nell'antichità l'accesso alla valle.
Circa 6 Km di strada tortuosa ed in alcuni punti impegnativa ci portano all'ultimo comune della valle Santa Sofia -
Da qui si diparte un passo conosciuto fin dall'antichità - il colle del Carnaio - che unisce la valle del Bidente con quella del Savio, direttrice principale fin dai tempi delle prime colonizzazioni, e la "via più breve per giungere a Roma".
Deviazione per Bidente di Pietrapazza:
Seguendo questa direttrice, dopo circa 3 Km, su un tornante troviamo una deviazione per Poggio alla Lastra che ci consente di risalire il corso del ramo di Pietrapazza.
Percorso inizialmente asfaltato, poi interamene su strada sterrata, che ci conduce in valle stretta ed immersa fra le magnifiche foreste del parco Nazionale fino alla chiesetta di Pietrapazza. Da qui la pista forestale (sbarrata) prosegue fino al passo dei Mandrioli.

Proseguendo sulla statale 310 verso passo Calla raggiungiamo in 3 Km la frazione Capaccio (a sinistra gli impiantri di potabilizzazione dell'acqua proveniente dalla diga di Ridracoli, e la centrale elettrica).
Deviazione per Bidente di Ridracoli:
poco dopo Capaccio una deviazione ben segnalata sulla sinistra ci conduce in 9 Km di strada asfaltata e ben percorribile alla frazione di Ridracoli.
Ulteriori 3 Km (accesso controllato e a pagamento) ci portano all'imponente sbarramento che forma il lago di Ridracoli (l'acquedotto della Romagna).
Ramo di Corniolo:
La Statale 310 prosegue verso monte con percorso sempre più tortuoso e pendenze che iniziano a divenire importanti.
In 10 Km raggiungiamo il centro di Corniolo, piccolo centro turistico tipico dell'alto Appennino (deviazione sulla destra per Premilcuore, su strada quasi interamente sterrata).
Da qui la strada si inerpica con curve e controcurve, seguite da tornanti, fino a Campigna (mt 1068) ultimo centro abitato, per giungere poi con un ultimo impegnativo tratto di 3 Km al passo Calla (mt. 1296) ardito passo fra Romagna e Toscana che lambisce le più alte cime di tutto il crinale appenninico (Monte Falco e Falterona).

Passo Calla

foto tour
Segnala a un amico busta
© www.appenninoromagnolo.it 2003-2017
Torna su